VADEMECUM DEGLI SPOSI

wedding-planner Vademecum degli Sposi

Ovvero, come arrivare al giorno tanto atteso meno stressati possibile.

  1. CI SPOSIAMO: SCELTA DELLA WEDDING PLANNER

Una volta deciso di convolare a nozze, negli sposi iniziano a manifestarsi molti dubbi ed indecisioni circa i passi da intraprendere per organizzare questo importante giorno. Per chi cerca l’aiuto di un professionista per la pianificazione del proprio matrimonio, oggi viene in soccorso una nuova figura: il/la wedding planner.
Volete evitare un matrimonio standard? Con l’aiuto del wedding planner potrete organizzare ogni particolare su misura secondo i vostri gusti e la vostra personalità, per tempo e senza lasciare nulla al caso. Con il wedding planner inoltre si ipotizzeranno tutti i possibili inconvenienti e le eventuali soluzioni e si coordinerà una agenda per armonizzare ogni fase della pianificazione.

chiesa Vademecum degli Sposi

2. DOVE DI SPOSIAMO: 12 mesi prima

Nel caso la vostra scelta fosse per il rito religioso, il nostro consiglio è quello di scegliere per tempo la chiesa che, secondo tradizione, dovrebbe essere quella della parrocchia della sposa. Indispensabili sono allora i certificati di Battesimo e di Cresima, così come l’esposizione delle pubblicazioni di matrimonio per un periodo di due settimane in entrambe le parrocchie di appartenenza.
Naturalmente sarà possibile celebrare il matrimonio in una parrocchia diversa, previa autorizzazione esplicita del vostro parroco.

location Vademecum degli Sposi

3. IL RICEVIMENTO: 12 mesi prima

La scelta del ristorante o della location dove offrire ai vostri ospiti un ricevimento può rivelarsi problematica poiché spesso ci sono tempi lunghi di prenotazione; per questo, una volta decisa la data della nozze, è importante attivarsi subito per trovare il luogo più adatto a voi.
La scelta è legata al tipo di ricevimento che intendete organizzare: può essere ad esempio un semplice cocktail party od il classico pranzo da cerimonia, un buffet informale od un banchetto in villa.
Uno dei parametri più importanti da valutare è la distanza dal luogo della cerimonia: non è infatti consigliabile un posto troppo distante, soprattutto se alcuni ospiti arrivano da lontano.

abito-sposa Vademecum degli Sposi

4. ABITO DELLA SPOSA: 10 mesi prima

La scelta dell’abito deve poter essere una grande gioia ed una emozione sublime, che spesso però si trasforma in un momento di indecisione ed imbarazzo. Il rispetto del proprio stile e della propria personalità è fondamentale per consentire alla sposa di sentirsi a proprio agio in ogni momento di una giornata così importante. Il colore? Chi dice sposa dice bianco, anche se l’avorio rimane una valida alternativa, così come i colori pastello. E per chi ama stupire ci sono opzioni con pennellate di rosso o qualche dettaglio black.

fotografo Vademecum degli Sposi

5. LE FOTO: 8 mesi prima

Imprimere su di un album o raccogliere in un dvd i momenti più belli di questo splendido giorno è importantissimo per poter condividere le emozioni anche dopo il sì. Accettate di buon grado l’offerta di parenti ed amici di documentare i ricordi della giornata, ma il consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un professionista che riesca con la sua arte e la sua professionalità a valorizzare queste emozioni indimenticabili.

fiorista Vademecum degli Sposi

6. I FIORI: 7 mesi prima

I fiori sono il motivo dominante di una festa di nozze, per questo vi consigliamo di affidarvi ad un buon fioraio (ricordatevi di prenotarlo per tempo) che possa suggerirvi con creatività ed esperienza il migliore equilibrio nella scelta. I fiori, oltre a rispecchiare la vostra personalità, dovranno essere in armonia con il luogo della funzione e del ricevimento. La tradizione vuole che il bouquet sia ordinato dallo sposo e fatto recapitare a casa della sposa il giorno delle nozze. Relativamente alla scelta, i fiori d’arancio sono da sempre i fiori della sposa in quanto simbolo di fertilità, magari da abbinare a lilium, rose ed anemoni.

fedi Vademecum degli Sposi

7. LE FEDI: 5 mesi prima

Le fedi sono il simbolo dell’unione e dell’amore eterno e rappresentano la promessa che si rinnova ogni giorno, una usanza che si perde nel tempo, ma che non ha mai cessato di essere di moda. La tradizione vuole che siano di oro giallo o bianco, mentre per la tipologia si può scegliere tra la classica francesina (sottile e leggermente bombata), la mantovana (più alta e piatta), quella incrociata a più cerchi (nella quale è presente l’oro giallo, bianco e rosso). Ma possono essere anche in platino o con diamanti incastonati. All’interno della fede si fanno incidere i nomi degli sposi e la data del matrimonio.

partecipazioni Vademecum degli Sposi

8. LE PARTECIPAZIONI: 4 mesi prima

Le partecipazioni vanno spedite o, meglio, consegnate a mano, a parenti e amici con almeno 2 mesi di anticipo sulla data del matrimonio.

L’annuncio va fatto con stile, pertanto si consiglia la semplicità e la sobrietà, stampato su cartoncino bianco o avorio ed i caratteri dovranno essere chiari e ben leggibili. Sempre più di moda però stanno diventando le partecipazioni personalizzate con le caricature degli sposi, che regalano un sorriso e annunciano un matrimonio più informale

vestito-sposo Vademecum degli Sposi

9. ABITO DELLO SPOSO: 6 mesi prima

L’abito dello sposo deve essere all’altezza di quello della sposa, vero protagonista della giornata. Frack, smocking o tight? Per dissolvere ogni dubbio basta tener presenti alcuni punti fermi: seguire le regole del bon ton e naturalmente del buonsenso, al resto penserà il vostro sarto o l’atelier che sceglierete!

bomboniere Vademecum degli Sposi

10. CONFETTI E BOMBONIERE: 6 mesi prima

I confetti nuziali sono da sempre simbolo di ricchezza. Un tavolo addobbato con ciotole di cristallo e cucchiai d’argento per la degustazione farà la gioia dei vostri invitati. Per quanto riguarda le bomboniere, il mercato offre innumerevoli possibilità: da evitare possibilmente gli oggetti banali ed inutili, puntando sul giusto compromesso tra estetica e funzionalità. Le bomboniere per i testimoni e per i genitori devono essere diverse e possibilmente più pregiate; per gli altri invitati invece potrete spaziare dal classico oggetto in argento al prodotto di design o artigianato, magari realizzato a mano.

torta-nuziale Vademecum degli Sposi

11. LA TORTA: 5 mesi prima

In un matrimonio che si rispetti non può mancare il taglio della torta. Della sua preparazione si fa spesso carico il ristorante o il catering, ma resta valido il consiglio di rivolgervi ad una buona pasticceria: renderà la vostra scelta indimenticabile. Un consiglio per il brindisi: il vino, lo spumante o lo champagne devono essere rigorosamente dolci al palato!

trucco Vademecum degli Sposi

12. ACCONCIATURA E TRUCCO: 3 mesi prima

Una volta scelto l’abito, diventa indispensabile individuare il parrucchiere e pensare all’acconciatura. Oltre al vostro parrucchiere di fiducia, potete valutare anche di rivolgervi ad un professionista qualificato selezionato per l’occasione. Nel caso si volesse cambiare il colore, è consigliabile intervenire almeno sei mesi prima per essere sicuri di ottenere la sfumatura desiderata. Nella scelta dell’acconciatura si dovrà tener conto dell’abito: impreziosita con fiori freschi coordinati con il bouquet se il vestito è semplice; se al contrario il vestito è importante e prezioso, si potrà optare per dei nastri di raso o di tulle, dei veli, dei pettini o dei piccoli diademi.

auto-sposi Vademecum degli Sposi

13. LA MACCHINA: 7 mesi prima

La scelta del mezzo per accompagnare la sposa in chiesa e poi gli sposi al ricevimento può conferire un tocco di eleganza o rappresentare un colpo di scena. Il carattere e la personalità degli sposi deve essere il filo conduttore per la scelta: per il matrimonio classico le vetture più indicate sono quelle d’epoca, mentre per le coppie giovani e spigliate andranno benissimo le City Car, anche in versione cabrio o coupé. Da non sottovalutare anche la soluzione più semplice e personale, ovvero l’auto di tutti i giorni vestita a festa con decorazioni e palloncini.

lista-nozze Vademecum degli Sposi

14. LA LISTA NOZZE: 3 mesi prima

L’usanza della lista nozze arriva dall’ America di inizio secolo ed è nata soprattutto per evitare i doppioni.
Importante scegliere innanzitutto il negozio adatto, in modo da avere ampia scelta di articoli per la casa, tessili, elettrodomestici, complementi di arredo. Tenete sempre presente che la lista nozze è di grande aiuto anche per i vostri invitati e conoscenti: scegliendo oggetti di diverso valore permetterete a tutti di trovare un regalo adatto alle proprie possibilità..

intrattenimento Vademecum degli Sposi

15. INTRATTENIMENTO: 5 mesi prima

Ogni sposa desidera che il suo matrimonio sia unico ed indimenticabile. Gli ospiti ricorderanno sicuramente l’abito, le decorazioni ed il cibo ma soprattutto ricorderanno se si sono divertiti o meno.
Gli invitati devono sentirsi protagonisti e non semplici spettatori, per questo è importante cercare di coinvolgerli quanto più possibile. Prima della cerimonia o durante il ricevimento, potreste realizzare per loro ad esempio una serie di giochi enigmistici- cruciverba, frasi da completare con le parole mancanti, qualsiasi cosa la fantasia vi suggerisca. Oppure dare loro un elenco di momenti da fotografare. Per esempio gli sposi che si baciano, i genitori della sposa che ballano, qualcuno che fa un brindisi o lo sposo che guarda la sua sposa da lontano.
Che scritturiate un dj, un complesso musicale o che prepariate voi stessi una playlist di brani, la musica non può mancare. Per un matrimonio vintage sarebbe perfetto un jukebox!
Non dimenticate inoltre l’animazione per i più piccoli! Per far divertire e fare un regalo ai vostri ospiti potete inoltre scritturare un artista che realizzi caricature!